Obiettivo Trop Model

settembre 08, 2009

Oggi, saltando di palo in frasca

Anche riuscendo a tralasciare tutta lo sterco che percola da coloro che ci governano, e non ci si riesce ma vabbè ...

Oggi ho incontrato un amico che non vedevo da tempo, ha una azienda con cui fanno manutenzione e fornitura di macchine a calcolo numerico, utilizzate in produzione in ambiente manifatturiero.

Mi ha detto che ha gli occhi fuori dalle orbite dalla pesantezza della crisi, tutte le aziende legate al manifatturiero, che lui sappia, alla riapertura dopo le ferie stanno vedendo la chiusura avvicinarsi a passi lunghi e ben distesi. Le aziende hanno tirato fino alle ferie con il volano dei pagamenti ritardati ma ora non hanno nulla nella pipeline quindi prima di poter rivedere dei soldi si va alle calende greche, ammesso e non concesso che qualche ordinativo arrivi presto o tardi. Mi dice che l'IVECO è ferma da inizio anno, che l'ILVA l'ultima volta che è andato giù aveva spento 3 altoforni su 5, ed uno girava perchè faceva da centrale termica/elettrica per tutto lo stabilimento. Mi dice anche se un altoforno di quella portata viene spento, bisogna rifarlo quindi è una soluzione che non si adotta mai a meno di situazioni estremamente gravi.

Ma mi stava facendo solo due esempi in una chiacchierata per altri versi piuttosto rapida.

Si ragionava sul fatto che questa crisi viene prevalentemente percepita da coloro che sono nel giro della produzione, sia in quanto imprenditori sia lavoratori, mentre invece tutto l'assicurativo, il bancario, l'energetico se ne può fottere allegramente. Ed io ci aggiungo i professionisti che tanto quelli si fan pagar sull'unghia e se ne fottono proprio dei pagamenti che magari ci sono ma anche no. E con la scusa di risparmiar due soldi evadono pure alla grande.

Oggi, sono andata a spasso per il paesone con la scusa di portar fuori le cane, e sono passata dal cantiere di un'opera faraonica frutto di un progetto (finanziato sui fondi comunitari - Fondo Sociale Europeo, ed ho detto tutto) del valore di 7 (sette) milioni di euro e mirato alla conciliazione dei tempi. Il partnerariato prevedeva il Comune e l'Università e non so bene quali altri enti. Ci si sono lavati la bocca con questo progetto a mai più finire, e come siamo fighi di qua e come siamo fichi di là. L'idea per sommi capi era quella di creare una serie di infrastrutture che rendessero più agevole la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, strutture rivolte prevalentemente alle donne ed agli uomini dell'Università, lavoratori e/o studenti ma aperte anche al territorio. Oggi, a distanza di un paio di anni NON SE NE SA NULLA. L'hanno portato avanti? Si è arenato? C'è qualcuno che ne trae vantaggio? Prova a chiedere a qualche studente e vedrai le facce. Docenti non ne conosco. In città non se ne sa niente. In compenso c'è questa struttura stra-super-califragilistichespiralidosa in vetro, acciaio e legno che è finita direi da un annetto e che ospita solo polvere e ragni o simili. Ho notato che è pure illuminata tutta la sera e la notte che sembra un'astronave.

C'è un giardino nel paesone che sono un 6-7 anni che lo stanno preparando al posto di un preesistente campo di sterpaglie (che - ammettiamolo - era pure peggio). Dopo averlo tenuto chiuso per un'eternità perchè i lavori sono stati rallentati da quella mezza dozzina di scandali, ritardi, ruberie, truffe che in genere si riescono allegramente ad allestire nelle nostre faccende di edilizia pubblica o para, è stato parzialmente aperto nella primavera di quest'anno. Tralasciamo le erbacce che stanno devastando i vialetti e le aiuole, nel bel mezzo troneggia una grande pista di pattinaggio su ruote con tanto di anello con relativa parabolica per le gare di velocità e rettangolo centrale per le evoluzioni o le gare a squadra. Ovviamente l'impianto è dotato di tutta una serie di confort dalle gradinate all'impianto di illuminazione stile stadio di san siro, passando per la recinzione di metallo e vetro fumè (in un parco cittadino non custodito, quanto potrà mai durare?). Doveva essere utilizzato per il concorso del nonsochè che ovviamente non c'è stato. Al momento è transennato e sotto lucchetto. Ah, in città - che io sappia - non esiste nessuna squadra o organizzazione di sorta per il pattinaggio che cacchio avranno mai fatto questa struttura per ... iddiosololosa.

Oggi parlavo con una mia amica dalle idee politiche un tantino all'ammasso che esordisce dicendo che a lei del vecchietto che si fa le minorenni non gliene poteva fregar di meno, che lei voleva servizi e risposte alle sue, e presumibilmente del cittadino medio, esigenze. Che per quanto la riguardava il vecchietto poteva schiattar subito e lei ne sarebbe stata entusiasta ma per il momento la si smettesse di andar dietro a tutte le sue pirlate che qua non si parla di altro, e che lei è strastufa di leggere o sentire tutti i giorni che iddio manda in terra delle avventure del nostro e dei battibecchi della - si fa per dire - sinistra, opposizione ... come la vogliamo chiamare, tra l'altro?).

La princi mi racconta di tutta una serie di piccole concussioni che il padre di una sua amica, ha messo in atto, in quanto ex assessore prima e consigliere comunale poi, per favorire l'erigenda carriera artistica della figliola. Lo specchiato politico si fa orgoglio nel definirsi uomo di sinistra.

E' stato finalmente aperto il cantiere che ristrutturerà e trasformerà in condominio residenziale privato una vecchia villa, tutelata dalle Belle Arti, e originariamente di proprietà del comune e poi venduta per far cassa. Il render del progetto mostra in bella vista un silos di cemento nel mezzo del giardino, giardino dal quale mancano due belle, grandi e vecchie piante, che se non le tagliavano come cacchio facevano a fare l'accesso ai parcheggi via silos. Ma sicuramente saranno state ammalate, anzi, che dico, ammalatissime!! Del resto la villa è protetta dalle belle arti ma non la zona più prossima, no???

Nella piazza del comune stanno erigendo un nuovo condominio, in totale disaccordo con qualsiasi altro edificio della piazza medesima (ammettiamolo, uno più brutto dell'altro, databili nell'intorno del decennio 50-60). Il nuovo condominio avrà un profilo irregolare a diverse altezze e sarà poggiato su pilotis rossi per tutto il pian terreno, una sorta di palafitta su portico totalmente aperto. Al di là del fatto che anche sul rendering era un progetto orribile (de gustibus, va bene) ma come mail il video relativo è stato in display nell'atrio della casa comunale per mesi e mesi??? Trattasi di edilizia privata savasandir

Ora, mi dispiace dirlo e sentirmi io per prima qualunquista ma ...

come si fa a non essere sopraffatti dal nichilismo, come si fa per riuscire a credere di nuovo in qualcosa? Io tutto dove mi giro vedo solo schifezze ...

5 commenti:

valverde ha detto...

ecco..le tue conclusioni posso aggiungerle come commento al mio piccolo post sui lavori stradali...
che amarezza mia cara Graz ... e
mi domando cosa possiamo fare? dobbiamo tornare alle barricate ? mah!
triste ,delusa,affranta e anche un pò scog++++++a val

il grigio ha detto...

Mi sono ritirato dalla vita politica per lasciare spazio ai giovani che "abbiamo allevato". Purtroppo hanno perso le elezioni sul problema immigrati. Un solo segnale, piccolo ma significativo, della nuova amministrazione, verde come la padania. Le siepi, che in quindici anni di amministrazione attenta, sono sempre state verdissime, sono ora di un giallo desolante (anche il 2003 è stato molto caldo). Pensa al resto ....

graz ha detto...

Val, in effetti mi hai fatto venire il mente il giardino e la villa e piuttosto di scrivere un commento fiume ho pensato di farne un post citando il tuo. Poi, al solito, la scrittura mi ha preso la mano e sono andata un pò fuori tema e mi sono scordata da dove arrivavo .. insomma io lo dico sempre che sono sull'orlo dell'alzheimer.

Grigio, trovo che il leghista medio sia veramente intollerabile e le amministrazioni leghiste brillino per stupidità e protervia.

Sono sempre stata dell'idea che la vita è una ruota che gira e prima o poi le situazioni si ripetono sia nei nostri personali microcosmi sia nel mondo che ci gira intorno. Ma ora mi chiedo se davvero si riuscirà a tornare indietro da questi anni così brutti.

Per la verità mi chiedo anche se non sono forse io ad essere depressa ...

Mammamsterdam ha detto...

Oddio, io ho appena scoperto che tre blogger con cui mi scrivo e mi leggo si dicono di destra, fosse l'inizio del pliralismo.

Valà, non dirmi niente, sto pure leggendo Santa Mafia di Petra Reski, non so se lo faccio per masocismo o cosa, ma sono sul depresso andante questi ultimi mesi.

ZiaCris ha detto...

Sono d'accordo con la tua amica, ma per la semplice ragione che, finchè si parla del letto del Nano, non si parla di crisi e delle conseguenze e di qunti anni ci vorranno per riprendersi, di tutte le aziende piccole e medie, grandi motori dell'economia, che stanno chiudendo e nessuno fa nulla per evitare lo scatafascio...siamo nella m****, fino al mento...non fate l'onda!!!!!!